Autore: Redazione

Con il Decreto Legge n. 36, il Governo ha approvato una riforma che vorrebbe dare al 10% degli insegnanti un incentivo in più per una formazione obbligatoria di 30 ore annue per tre anni su materie che non riguardano il loro lavoro in classe. E questa riforma la vorrebbe fare con risparmi e tagli ai posti di lavoro – circa 10mila cattedre che scompaiono nel giro dei prossimi 10 anni – ed addirittura andando a ridurre della metà il bonus docente di 500 euro che veniva dato a tutti per la formazione. A ricordarlo è Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, in vista dello sciopero convocato per il 6…

Leggi tutto

Può la sostenibilità diventare una materia scolastica? è questa la provocazione che 3Bee – l’azienda agritech nota per lo sviluppo della tecnologia di monitoraggio hive-tech per la protezione delle api e il primo programma Adotta un alveare – ha voluto lanciare a tutte le scuole d’Italia. Con il progetto 3BeEducation infatti, l’azienda ha realizzato un programma gratuito di iscrizione a materiali didattici predisposti con lo scopo di spingere gli insegnanti di infanzia e primaria a realizzare da settembre dei veri e propri moduli di formazione alla sostenibilità in classe. Come è nato il progetto 3BeEducation: le nuovissime generazioni. 3Bee ha…

Leggi tutto

La polemica monta da settimane nelle aule, negli uffici degli uffici scolastici e sul web, ma a poche ore dall’inizio del concorso Stem (acronimo inglese di «Science, Technology, Engineering and Mathematics») le voci di protesta degli oltre 37mila candidati si fanno sempre più insistenti, anche a Brescia. A scatenare il caos è la decisione del Ministero dell’Istruzione di vietare l’utilizzo di carta e penna ai candidati che dal 3 al 5 maggio sosterranno la prova scritta di cinque diverse discipline: fisica, matematica, matematica e fisica, matematica e scienze, scienze e tecnologie informatiche. Impossibile «Come facciamo a fare calcoli complessi a…

Leggi tutto

In una sua dichiarazione sui social media il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso ha ieri commentato in toni entusiastici il provvedimento che introduce la figura del docente specializzato per l’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria. “Si partirà già a settembre con i 2.247 posti previsti per le quinte classi”, ha scritto su Facebook il sottosegretario, tralasciando il non trascurabile particolare che il contingente dei docenti di educazione motoria sarà determinato “a invarianza di organico”, ossia non sono previsti investimenti per l’assunzione di ulteriore personale nelle scuole, ma solo una rimodulazione dell’organico derivante dalla quota dei pensionamenti e dalle cessazioni. La norma…

Leggi tutto

Anche il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione non manca di esprimere i suoi rilievi sulla bozza di ordinanza che il ministero dell’Istruzione si accinge a produrre sull’aggiornamento delle Graduatorie provinciali per le supplenze e di quelle d’Istituto valide per il biennio 2022/2024. Nelle attuali Gps sono presenti 400mila candidati e ancora di più nelle graduatorie d’istituto. Il Cspi, pur esprimendo parere favorevole, si sofferma su diversi limiti presenti nel testo che, secondo la stampa specializzata, potrebbe essere pubblicato già la prossima settimana, con le domande degli oltre 400mila candidati che potrebbero essere presentate a partire dal 2 maggio. Anche il…

Leggi tutto

Sono molti, anche della maggioranza parlamentare, i deputati scettici sul mantenimento dell’obbligo della vaccinazione per i lavoratori della scuola e sul distanziamento coatto dei docenti dei loro studenti anche dopo essere tornati a scuola e che costa allo Stato oltre 10 milioni di euro al mese per pagare gli stipendi ai supplenti: per avere cognizione di tale contrarietà, basta andare a leggere le posizioni espresse da diversi onorevoli sulla Decreto Legge 24/2022, approvato dal Cdm lo scorso 24 marzo ed ora sotto la lente della Commissione Affari Sociali della Camera in vista delle modifiche da apporvi e della sua conversione…

Leggi tutto

Il nuovo libro della serie Dialoghi di Pistoia sarà in libreria dal 19 aprile oppure su Amazon a questo link. Raccoglie sei saggi sul tema del cammino e del viaggio portandoci alla scoperta del mondo e di noi stessi. Antropologi, filosofi, storici, linguisti come Marco Aime, Duccio Demetrio, Adriano Favole, Vera Gheno, Marco Vannini e Alessandro Vanoli ci raccontano il desiderio per l’esplorazione e la ricerca di nuovi orizzonti che da sempre hanno caratterizzato l’essere umano, accompagnandolo nel suo percorso evolutivo verso la propria realizzazione. Una delle ragioni che ha spinto l’uomo a viaggiare è proprio la sete di conoscenza,…

Leggi tutto

Dal primo aprile è terminato lo stato di emergenza che di fatto ha ridotto vincoli comportamentali e cancellato ogni forma di vera restrizione su tutto il territorio nazionale. Nelle scuole stiamo gradualmente tornando ad un’apparente normalità pur restando attive alcune azioni messe in campo per mitigare il rischio del contagio. Ma lo sappiamo bene che il virus continua a circolare in tutte le fasce di età, contagia anche più volte lo stesso soggetto, seppur – per fortuna – con numeri ridotti di ricoveri e di decessi. Nel nuovo Piano per la scuola 2021-2022 sono confermate alcune delle regole anticovid che…

Leggi tutto

Come gruppo demA Scuola, lo avevo già anticipato ad alcuni, stiamo lavorando a un progetto editoriale collettivo che possa sfociare in un libretto-manifesto per il futuro della scuola a partire da quel che non va (o da quel che non è andato finora) e senza peli sulla lingua. Così, in una nota, Massimo Arcangeli, portavoce del gruppo demA Scuola. Di seguito il progetto, che vi chiedo di diffondere, aperto alla collaborazione di chi abbia competenze per occuparsi dei temi indicati voce per voce. La lista degli argomenti è ovviamente provvisoria, e vi sarei grato se aveste suggerimenti per migliorarla (anche integrandola). La sfida…

Leggi tutto

Si è svolto oggi il secondo incontro in videoconferenza per l’aggiornamento del Protocollo della sicurezza nelle scuole durante il quale la FLC ha ribadito le questioni su cui pretende risposte e in assenza delle quali, non sottoscriverà l’aggiornamento del Protocollo. Per la nostra organizzazione è necessario che il Protocollo preveda al suo interno non solo una serie di questioni, ma anche i veicoli normativi attraverso i quali queste questioni saranno affrontate e la certezza di risorse che ne consentano l’applicazione. Senza la garanzia di questi elementi, impossibile per la FLC sottoscrivere un documento che dovrebbe garantire salute e sicurezza nelle…

Leggi tutto